I comuni della Maratona / Comune di Giove

Comune di Giove

Il centro storico di Giove guarda al Tevere dalla sommità di una collina. La storia antica del borgo continua a essere raccontata da vicoli, archi e edifici racchiusi nel centro storico e, soprattutto, dal maestoso palazzo Ducale, il “castello”, che ricorda i fasti delle signorie.

IL NOME

Due sono le ipotesi sul nome di Giove: la prima è legata alla presenza già in epoca pre-romana di un tempio dedicato al padre degli dei, divinità a cui erano consacrati molti colli ancora prima della divisione etnica tra Umbri ed Etruschi. Tuttavia rimane di un certo fondamento anche l’ipotesi che farebbe risalire il nome al vocabolo latino “jugum”, “vetta” entro due valli, che corrisponde perfettamente alla situazione geografica del paese.
A sostegno di ciò nelle carte del Medioevo viene chiamato Juvo o Jugo.
L’etimologia che vorrebbe il nome attuale derivare da un presunto Jovis (Giove) è invece da far risalire ad una consolidata tradizione popolare.
LA STORIALe mura
Ancora florido doveva essere il paese durante tutta l’epoca romana, come testimoniano i numerosi reperti archeologici venuti alla luce nel territorio comunale: tra questi pregevoli tombe, resti di edifici, laterizi, monete ed are sacrificali. In epoche più recenti, il nome di Giove compare per la prima volta in un documento del 1191, con il nome di Juvo, dove viene ricordato come importante centro strategico conteso tra Amelia, Todi e Orvieto.

Il castelloIl 2 gennaio 1223 Oderisi, Ugolino, Veritiero, Amatore, giurano sottomissione al Podestà e Camerlengo del comune di Orvieto. Nel Trecento il castello di Giove ed il suo territorio sono contesi tra il comune di Orvieto ed il Conte Palatino di Toscana Benedetto Castani, mentre, nel 1328, il feudo viene conferito da Papa Urbano IV a Pietro, Conte di Anguillara. Ancora, nel 1465 il potere è rivendicato dagli Amerini che, occupato il castello, ne affidano le sorti a Paolo Farnese.

Alla Signoria dei Farnese subentra nel XVII secolo quella dei Mattei, i quali fanno erigere una parte dell’imponente Palazzo a pianta quadrata. Nella prima metà del secolo XV il castello risulta feudo degli Anguillara. Il 26 febbraio 1481 il Papa Sisto IV investe del Feudo di Giove Lucrezia delgi Ordelaffi. Nel 1545 Ottavio Farnese, Duca di Castro e Ronciglione e Signore di Attigliano, governa il feudo di Giove tramite sua figlia Contarina Farnese. È probabile che a questo periodo risalga il più antico nucleo di costruzione dell’attuale Palazzo Ducale. Il 14 luglio 1597 Matteo Farnese aliena il feudo ai fratelli Ciriaco ed Asdrubale Mattei per la somma di scudi 65.000. È probabile che in quel periodo il Castello sia innalzato a Marchesato. Papa Urbano VIII con una sua breve del 10 ottobre 1643 concede a Girolamo Mattei, Marchese di Giove, la dignità di Duca.Il Castello la rampa carrozzabile

Agli inizi del ‘900 il castello è venduto ai Ricciardi, quindi al generale De Robilant ed infine, nel 1936, ai conti d’Acquarone dai quali viene acquistato, nel 1986, dall’attuale proprietario, sig. C. R. Band, di nazionalità statunitense.

Info

Segreteria organizzativa
Maurizio Santini - 328 2374283
Alessandro Dimiziani - 349 6602285 - aldimix@gmail.com
Alessio Santi - 340 9752229 - alesanti75@alice.it
Comune di Lugnano in Teverina
TEL. +39 0744.902321